Sinovite – Ecco come si presenta e cosa fare

Che cosa è la Sinovite

Con i termine sinovite si indica l’infiammazione della membrana sinoviale, ovvero della membrana connettivale che avvolge la capsula articolare e parte dell’articolazione; l’infiammazione può diffondersi coinvolgendo il tendine e la cartilagine. In seguito all’infiammazione la membrana sinoviale aumenta la produzione di liquido sinoviale, con conseguente gonfiore della zona, dolore e difficoltà di movimento.

 

Tipologie e Possibili Cause

Le cause della sinovite possono essere diverse: traumi, infezioni, intossicazioni e allergie. La sinovite causata da un trauma, lieve o violento, è detta acuta; se invece è il risultato di malattie croniche come neoplasie, artrite reumatoide, lupus, gotta o infezioni batteriche sistemiche è definita cronica.

La sinovite si presenta con gonfiore dell’articolazione, versamento sieroso locale, edema, ecchimosi, in corrispondenza dell’articolazione colpita dal processo infiammatorio (frequentemente anca, spalla e ginocchio). L’articolazione colpita si presenta calda e gonfia; la cronicizzazione della malattia può coinvolgere anche l’osso e la cute, con fenomeni di degenerazione e noduli infiammatori.

 

Percorso Diagnostico

La diagnosi di sinovite parte con l’anamnesi del paziente da parte del medico: segue un esame clinico dettagliato e approfondito per apprezzare i sintomi propri della patologia; l’artroscopia, la risonanza magnetica nucleare e la radiografia consentono di diagnosticare senza margini di errore la sinovite.

In caso di sospetto di malattie autoimmuni o infezioni batteriche, si può eseguire l’agoaspirato del liquido sinoviale, attraverso un sottile ago che preleva il liquido dall’articolazione. L’analisi del liquido sinoviale è un esame semplice e di basso costo che tuttavia permette di discriminare la natura primitiva dell’infiammazione, attraverso esami di laboratorio quali la conta leucocitaria, la coltura batterica, la ricerca di cristalli di acido urico.

Anche il colore e l’aspetto del liquido indirizzano il medico verso la diagnosi: un liquido sinoviale torbido e di colore giallastro, ad esempio, indica la presenza di pus e quindi un’infezione batterica in corso.

 

Trattamento della Sinovite

Oltre al trattamento della causa primaria della sinovite, per alleviare temporaneamente il dolore e ridurre il gonfiore sono utili impacchi freddi, bendaggi elastici poco compressivi, farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), ionoforesi, laserterapia e, sicuramente, il riposo.

Se la condizione persiste o la sinovite è particolarmente grave, si ricorre allo svuotamento chirurgico del liquido sinoviale (artrocentesi), assieme al trattamento antibiotico e antinfiammatorio. La rimozione totale della membrana sinoviale (sinoviectomia parziale o completa) è indicata nelle sinoviti refrattarie alla terapia sistemica e permette la rigenerazione totale della membrana, dopo aver rimosso le parti infiammate o degenerate.

Il recupero della mobilità dell’articolazione si ottiene in pochi mesi, grazie alle stampelle e alla fisioterapia.

HAI BISOGNO DI RIABILITAZIONE?

Noleggio Elettromedicali

 

Chiama il Numero Verde per info o prenotazioni

Icona Numero Verde

 

 

 

oppure scrivici: