Iperidrosi: ecco Tipi, Cause e Trattamento

L’iperidrosi indica una condizione in cui si ha una eccessiva produzione di sudore da parte dell’organismo; la secrezione può essere circoscritta o generalizzata e in genere compare a causa di fattori ambientali ed emotivi.

La sudorazione è un fenomeno fisiologico, che avviene sia nella stagione fredda che nella stagione calda, per eliminare l’acqua e abbassare la temperatura corporea; tuttavia, una sudorazione eccessiva non collegata alle reali necessità dell’organismo provoca fastidio e imbarazzo, soprattutto nelle occasioni sociali.

L’iperidrosi: Cause e Tipi

L’iperidrosi di cui non si conoscono le cause (idiopatica) è detta primaria, mentre se insorge come conseguenza di malattie o stimoli endocrini, è detta secondaria.

Nelle iperidrosi generalizzate, che coinvolgono tutto l’organismo o aree molto estese della superficie corporea, è probabile che la causa sia un problema endocrino, farmacologico o febbrile; in questo caso, la sudorazione eccessiva coinvolge i palmi delle mani, le ascelle e la fronte.

L’iperidrosi può assumere connotazioni patologiche che si manifestano con sudorazione colorata di giallo (cromoidrosi) o sudorazione maleodorante, provocata dalla presenza di batteri della flora cutanea (bromidrosi).
L’iperidrosi causa notevoli disagi in ambito personale e lavorativo, diminuendo la qualità della vita e delle relazioni sociali. Dopo aver escluso ogni forma secondaria del disturbo, devono essere effettuati esami ematici e altre procedure diagnostiche.

Trattamento

Il primo approccio per trattare i sintomi dell’iperidrosi è modificare l’abbigliamento (evitare abiti aderenti e sintetici) e usare deodoranti al cloruro di alluminio per contrastare la sudorazione, da applicare durante la notte sulle ascelle, coprendole con una pellicola.

La ionoforesi è utile per impedire temporaneamente la sudorazione, causando anidrosi reversibile: questo trattamento consiste nell’immergere mani e piedi del paziente in due contenitori con dell’acqua, alla quale viene applicato un basso potenziale di corrente elettrica. Il flusso di cariche elettriche blocca i canali che secernono il sudore per un breve periodo di tempo; l’efficacia è piuttosto variabile e nei casi più gravi, non genera benefici apprezzabili.

I farmaci utilizzati per ridurre l’iperidrosi si basano sulla limitazione dell’eccessiva emotività, che spesso è la causa dell’iper sudorazione. Tuttavia, sedativi e ansiolitici riducono la vigilanza e inducono sonnolenza; inoltre gli effetti collaterali portano il paziente ad abbandonare la terapia.

Altri interventi, limitati ai casi più gravi di iperidrosi, consistono nell’iniezione di tossina botulinica che blocca la secrezione delle ghiandole sudoripare, oppure in un piccolo intervento chirurgico che interrompe l’innervazione delle ghiandole impedendo la sudorazione; in quest’ultimo caso però, si può assistere ad un aumento della sudorazione in altre aree del corpo, come meccanismo compensatorio.

HAI BISOGNO DI RIABILITAZIONE?

Magnetoterapia Noleggio

 

Chiama il Numero Verde per info o prenotazioni

Icona Numero Verde

oppure scrivici: