Cefalea Muscolo Tensiva: ovvero il comune e fastidioso mal di testa

La cefalea muscolo tensiva, comunemente detta mal di testa, rappresenta un sintomo doloroso molto comune, non una malattia, riconducibile a molteplici fattori, spesso ancora sconosciuti ed ipotizzati, ed a patologie sia generali che specifiche a carico delle strutture anatomiche del capo.

Cafalea Muscolo Tensiva

Possibili cause e principali manifestazioni

Può essere associata a contrazioni muscolari del collo, del viso e del cuoio capelluto, ma anche ad una malattia che colpisce alcune parti della testa, come il naso, gli occhi, le orecchio o i seni paranasali; oppure può essere causata da disturbi emotivi, da stati di tensione e di stress intensi, dalla depressione, dalla postura errata, da posizioni scorrette e dal vizio di serrare le mascelle.

La cefalea muscolo tensiva colpisce maggiormente il sesso femminile di età compresa tra i quaranta ed i cinquanta anni. Si manifesta con un dolore molto intenso e sordo, con la sensazione di una pressione su tutta la testa e più frequentemente nella zona bitemporale oppure con un senso di stiramento a carico della fronte, dei lati e del retro della testa, con dolenza del cuoio capelluto e, qualche volta anche con inappetenza.

Si parla di cefalea muscolo tensiva episodica se i sintomi si manifestano meno di una quindicina di giorni al mese, mentre si definisce cronica quando durano più di quindici giorni e si rivelano per almeno tre mesi consecutivi. A seconda dell’intesità del dolore si classifica in mal di testa moderatamente intenso o mediamente intenso. Può essere utile un trattamento tens.

Altre tipologie di Cefalea

Tra i diversi tipi di cefalea vanno rammentati la cefalea a grappolo, l’emicrania e la cervicale.

Cefalea a grappolo

La cefalea a grappolo si manifesta, generalmente, da un solo lato della testa nella zona medio-orbitale e/o nelle zone vicine della faccia e del capo oppure in quelle occipitale. Colpisce il sesso maschile e, soprattutto, dopo i 35 anni.

Si manifesta con un dolore intenso, lancinante e spesso insopportabile. Ha una ricorrenza improvvisa, sia di giorno che di notte, ed è stagionale. La sua durata è inferiore ai venti minuti e gli attacchi possono essere più di uno durante l’arco della giornata fino a due-quattro volte a settimana. Nella maggior parte dei casi, la cefalea a grappolo peggiora in posizione orizzontale e per l’assunzione eccessiva di alcolici. I suoi sintomi, oltre al dolore, sono la congestione nasale, la nausea, l’iniezione congiuntivale e qualche volta anche la febbre.

cefalea tensiva e cervello

Emicrania

L’emicrania rappresenta una particolare forma di cefalea, dal carattere familiare, che si manifesta con un forte mal di testa che colpisce un solo lato della testa. Le cause che la scatenano sono, quasi sempre, lo stress, la fatica, i problemi sia circolatori che ossei, gli stati emozionali ed il periodo premestruale.

Colpisce prevalentemente il sesso femminile, in particolare fra la pubertà e la menopausa. Origina un dolore, inizialmente pulsante che può trasformarsi in fisso, a metà della testa nella zona temporale, occipitale ed oculare. Appare sia in modo graduale che brusco al mattino presto, molto spesso durante il fine settimana ed ha una durata piuttosto lunga. I sintomi associati a questo tipo di cefalea sono il malessere, la nausea, disturbi alla vista, depressione, l’irritabilità, dolore a livello del cuoio capelluto e fotofobia.

Cervicalgia

La cervicalgia, più comunemente e scorrettamente conosciuta come cervicale, che è invece una parte anatomica, è un disturbo muscolo-scheletrico che causa dolori alle vertebre cervicali, torcicollo, tensione muscolare, cefalea, vertigini, disturbi sia delle vista che dell’udito, formicolii alle mani e delle braccia, eccetera.

E’ causata da posture errate, da contratture muscolari, da traumi , da ernia ed artrosi cervicale, da stress, da lavori pesanti, da problematiche dentali e quant’altro. Per alleviare i disturbi della cefalea muscolo tensiva sarà necessario tenere sotto controllo lo stress, sottoporsi a massaggi, a sedute di agopuntura e di riabilitazione con la finalità di ridurre la tensione muscolare. Inoltre, fondamentale sarà migliorare la postura ed abolire le posizioni scorrette, ed adottare una terapia farmacologica, su consiglio del medico, finalizzata a diminuire sia la frequenza degli attacchi che la loro intensità oltre che a prevenirli.

HAI BISOGNO DI RIABILITAZIONE?

 

Noleggio Elettromedicali

 

Chiama il Numero Verde per info o prenotazioni

Icona Numero Verde

oppure scrivici: